Sociale

Assistenza alle persone migranti

Da porti ai centri di accoglienza, gli operatori della Croce Rossa mettono costantemente in primo piano i bisogni delle persone che approdano sulle nostre coste. 

Attualmente le attività con i migranti riguardano soprattutto progetti di inclusione socio-lavorativa, grazie ai quali garantiamo una formazione professionalizzante e l'inserimento lavorativo di rifugiati e richiedenti asilo. Dopo una positiva esperienza del Progetto ESIRAS, attualmente sono attivi i progetti JobSkills e ESIR.

A Milano siamo stati inoltri impegnati nella gestione di due Centri di Accoglienza Straordinaria (CAS): il CAS di via Aquila, aperto nel 2015, e il CAS di via Corelli, all’interno dell’ex caserma Mancini, aperto nel 2016. L'esperienza in questi due centri si è conclusa sul finire del 2019. 

I nostri due centri, affidati dalla Prefettura di Milano, sono stati riorganizzati nel tempo per aumentare la loro capacità ricettiva e i servizi destinati agli ospiti. A disposizione di chi arriva c'erano i servizi primari di vitto, alloggio e lavanderia. Non mancavano luoghi dedicati alle attività ricreative e la ludoteca per i più piccoli, ma anche un ambulatorio medico e un’area riservata alla preghiera.

Considerati i traumi del viaggio e le difficoltà legate al soggiorno importantissima era la presenza di figure come lo psicologo e l’assistente sociale, in grado di offrire un sostegno professionale. Ai bambini era garantito l’accompagnamento scolastico mentre per gli adulti corsi di vario livello per l’apprendimento della lingua italiana, strumento indispensabile all’inserimento.

Fondamentale è anche il supporto di assistenza legale per il perfezionamento della domanda di asilo.