Bevande calde, cibo, abiti pesanti e coperte. È quanto La Croce Rossa di Milano, insieme a molti comitati della provincia, offre ogni notte ai senza dimora, nel tentativo di mitigare l’asprezza di un sonno all’addiaccio. Ma quando le temperature si fanno più rigide è necessario potenziare l’attività, monitorando oltre l’ordinario le condizioni di chi vive per strada, specie se in precarie condizioni di salute.

Pubblicato in News

Come ogni anno, torna il 15 ottobre in Piazza Santo Stefano, per la diciassettesima volta consecutiva, la “Notte dei senza dimora”, nata da un’idea di Terre di Mezzo Onlus e organizzata da associazioni che, come la Croce Rossa, sono particolarmente attive nell’assistenza e nel reinserimento di persone in difficoltà. L’iniziativa, patrocinata dal Comune di Milano, si apre a istituzioni e cittadini per richiamare l’attenzione sul problema dell’emarginazione sociale e si pone l’obiettivo di sensibilizzare concretamente l’opinione pubblica, incoraggiando i partecipanti a condividere l’esperienza di una notte all’addiaccio insieme ai senza dimora, che nel capoluogo lombardo sono poco più di 11 mila, secondo l'ultimo censimento Istat-Fiopsd.

 

La “Notte dei senza Dimora” inizia molto prima del tramonto. Tra gli appuntamenti del pomeriggio, alle ore 16.30 è previsto il ritrovo alla Casa dell’Accoglienza “Enzo Jannacci”, in viale Ortles 69, per scoprire uno dei luoghi “storici” della solidarietà milanese. Da lì, in sella alla propria bici, si raggiungerà Piazza Santo Stefano per aspettare, alle 18.00, la musica dal vivo e, alle 19.00, l’incontro di approfondimento sulle nuove idee in tema di accoglienza nate nel territorio di Milano, al quale parteciperà anche Pierfrancesco Majorino, assessore alle Politiche sociali.

 

Alle ore 20.00 i volontari delle Unità di Strada della Croce Rossa, che tutti i giorni dell’anno presidiano le vie della città a supporto dei più vulnerabili, serviranno la tradizionale cena gratuita, che vedrà fianco a fianco con e senza dimora in uno dei tanti momenti di condivisione e vicinanza della giornata. Il culmine della festa sarà alle 21.00, con la musica dal vivo di band e artisti di strada che suoneranno fino a tarda notte e accompagneranno i presenti verso la simbolica conclusione dell’appuntamento: una significativa notte in sacco a pelo da passare insieme sul sagrato della chiesa.

 

La serata rappresenta un importante momento non solo di solidarietà ma anche di confronto, al quale partecipano, oltre alla Croce Rossa Italiana, Insieme nelle Terre di mezzo Onlus, Opera Cardinal Ferrari, Cena dell'amicizia, Papa Giovanni XXIII, Fondazione Fratelli di San Francesco, CAST, Fondazione Progetto Arca Onlus, Ronda della Carità, Casa di Gastone, Fondazione Isacchi Samaja Onlus, Associazione MiRaggio, Avvocato di strada ONLUS, C.N.G.E.I., VOCI. Avvocati per Niente, Acli-Ipsia, MIA-Milano in Azione, Fides ONLUS-Casa degli Amici, Caritas Ambrosiana, Casa della Carità e FIOPSD.

Pubblicato in News

Un pranzo, o una cena, offerto a circa 3000 persone in 24 città italiane. Sono questi i numeri del “Pasto della solidarietà” del 30 gennaio, organizzato da Croce Rossa Italiana e Land Rover Italia per i senza dimora.

“I nostri amici”, li ha definiti Angela Maria Sala, vicepresidente del Comitato di Milano della Croce Rossa, nel discorso inaugurale di fronte ai volontari riuniti e al personale di Land Rover Italia in piazza del Cannone. Perché è questo che sono i 130 senza dimora, veri protagonisti della serata, per le Unità di Strada CRI, che da 15 anni si dedicano a uno dei più importanti servizi assistenziali nel territorio del capoluogo lombardo.

 “L’umanità”, ha continuato Angela Sala, “è uno dei nostri sette principi ispiratori ed è ciò che ci spinge a uscire ogni sera per incontrare persone a cui forniamo un pasto e delle coperte, e con cui entriamo in relazione, raccontandoci reciprocamente le nostre esperienze di vita”.

“Basta uno sguardo per capire l’importanza di quello che i volontari di Croce Rossa fanno ogni sera”, ha detto Arturo Frixa, direttore generale Network & Training di Jaguar Land Rover Italia, che da anni fornisce alle Unità di Strada i mezzi utilizzati in servizio e finanzia corsi di specializzazione per i volontari occupati in questa attività.

Anche l’Assessore alla Sicurezza, Coesione sociale e Volontariato, Marco Granelli, ha ringraziato i volontari per quello che fanno per rendere la città sempre più accogliente e solidale.

All’interno delle tende allestite a Parco Sempione l’atmosfera era di festa. Gli ospiti, arrivati da soli o in piccoli gruppi, si sono seduti davanti a un buon pasto caldo e, per qualche ora, hanno sorriso e chiacchierato con i volontari CRI e il personale di Land Rover, tutti riuniti intorno agli stessi tavoli, in un clima di grande soddisfazione e solidarietà.

“Una serata indimenticabile”, l’ha definita una volontaria della Croce Rossa presente alla cena. "Questa sera ho indossato il mio vestito rosso più bello e ho avuto il privilegio di cenare vicino al Castello Sforzesco al ‘Galà della Solidarietà’ CRI, insieme a un filosofo egiziano, un costruttore rumeno e un principe bulgaro... “. Una serata unica e allegra. Una cena tra amici. 

Pubblicato in News

 

InvitoA4mailLa Croce Rossa di Milano partecipa alla X edizione del Photofestival, manifestazione diffusa in modo capillare in tutta l’area metropolitana che coinvolge gallerie d’arte, spazi espositivi ed edifici storici, e che quest’anno, col sottotitolo “Dire, Fare, Mangiare”, si confronta con i contenuti dell’Esposizione Universale.

 

Attraverso gli scatti di Massimo Allegro si racconta il tema della fame, intesa come estrema necessità (di affetto, riconoscimento, sorrisi, libertà e infine di cibo), di cui Croce Rossa è quotidianamente testimone.

Il reportage dell’autore è la voce di un “mondo a parte”, poco visibile ma spesso vicinissimo. Un mondo denso di storie, di valori e di persone, che interseca ogni giorno la rete della solidarietà. Con sguardo sensibile e partecipe, Allegro ritrae i momenti in cui le strade dei volontari incrociano le emergenze sociali, sfiorano percorsi umani, individuali o collettivi, di sofferenza e di speranza. L’intento non è mostrarne il dramma, ma la ricchezza umana.

 

Attraverso il medium della Croce Rossa milanese, si entra in luoghi inconsueti, in territori idealmente lontani, dove è costante la presenza del volontariato e dove l’estremo disagio, la nuova povertà, i flussi migratori non sono “cronaca”, ma aiuto quotidiano. I migranti, che passano il mare per avere accoglienza; il bisogno di stabilità e relazioni dei senza dimora; le lunghe file di chi cerca pane, vestiti e generi di prima necessità; gli ospedali, dove è importante trovare un sorriso. Ma le immagini narrano anche altro: segreti, pensieri inconfessati, progetti futuri per uscire dal “mondo parallelo”. Accanto c’è la vita normale, che non può scorrere ignara.

 

Milano. Sguardi di solidarietà
di Massimo Allegro, a cura di Roberto Mutti
Inaugurazione 15 settembre 2015, h 19.00-22.00
Fino al 30 settembre | Mer-dom 11-13 e 14-19 | Ven 25 fino alle 22
Attenzione: ven 18, sab 19 (mattina) e sab 26 chiuso

c/o sede Cri di Via Marcello Pucci 7
tel. 02 3883 – 320 1807203
ufficiostampa@crimilano.it

 

Si ringraziano:
Comitato organizzativo del Photofestival
Pane Quotidiano (www.panequotidiano.eu)
Luigi Montuoro - Stampa Fine Art 

 

Scarica la locandina

Pubblicato in News